I diritti umani e il cambiamento climatico: la svolta CEDU

I diritti umani e il cambiamento climatico: la svolta CEDU

18 Aprile 24

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo il 9 aprile 2024 nella causa Verein KlimaSeniorinnen Schweiz e a c. Svizzera (ricorso n. 53600/20) ha connesso, per la prima volta, la crisi climatica alla tutela dei diritti umani in ragione degli effetti che produce il surriscaldamento globale sulla qualità della vita degli individui.

La sentenza in commento ha ampliato il raggio di applicazione dell’art. 8 CEDU chiarendo che la prevenzione dei cambiamenti climatici è parte integrante dei doveri delle autorità statali nella protezione dei diritti dell’uomo.

La Corte EDU ha, inoltre, riconosciuto che l’accelerazione del riscaldamento globale ha un impatto sulla vita, la salute e il benessere di ogni individuo, perché vi è un rischio significativo di declino dell’aspettativa di vita di una persona.

I principi riconosciuti dalla sentenza della Corte fanno già ingresso negli Stati che hanno sottoscritto la Convenzione, obbligando i giudici nazionali a tenere conto della pronuncia nelle cause climatiche che coinvolgono i Tribunali interni.

La sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo sul clima è, dunque, destinata ad avere effetti ad ampio raggio, dando il via ad una nuova era di giustizia climatica.

https://amp24.ilsole24ore.com/pagina/AFRL7NRD

Cerca articoli per nome

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages
persone
attivita

Cerca articoli per anni

Contattaci

Entra in Delex

I professionisti e le risorse Delex sono a tua disposizione. Compila il form. Ti contatteremo per fissare un appuntamento da remoto o presso i nostri uffici.

    SocietàPrivato