Licenziamento: la Legge tutela la lavoratrice madre

Autore: Irene Maggi

12 Novembre 2021

La Legge tutela la lavoratrice madre, prevedendo il divieto di licenziamento sino al compimento di un anno di età del figlio, ad eccezione di talune ipotesi derogatorie aventi carattere tassativo. Tra queste, la colpa grave della lavoratrice può assurgere a giusta causa dell’interruzione del rapporto di lavoro.
Tuttavia, nello specifico caso in cui la lavoratrice sia madre di figlio entro l’anno d’età, la gravità della colpa dovrà essere valutata in comparazione allo stato psico-fisico della puerpera e potrà legittimare l’intimazione del licenziamento solo se connotata da una rilevante riprovevolezza.
Merita di essere segnalata, sulla questione, l’ordinanza del Tribunale di Brescia del 06.09.2021 con la quale il giudice territoriale ha dichiarato la nullità del licenziamento e disposto la reintegrazione nel posto di lavoro, non ritenendo che la condotta della lavoratrice fosse intrinsecamente di tale gravità da poter superare il divieto normativo di licenziamento.

Trib. Brescia – sez. Lavoro, 6 settembre 2021

 

Tribunale di Brescia – Ordinanza

Pubblicazioni

contattaci

Entra in Delex

I professionisti e le risorse Delex sono a tua disposizione. Compila il form. Ti contatteremo per fissare un appuntamento da remoto o presso i nostri uffici.

    SocietàPrivato